I cuccioli di foca del Norfolk

English Version

Camminiamo sulla sabbia col vento gelido che ci taglia la faccia. Il cielo di novembre è stranamente terso qui nel Norfolk, e il sole sta scendendo a ovest dietro le dune. Nel parcheggio ci hanno detto che le foche oggi sono a un miglio e mezzo di cammino, e ci avviciniamo a loro costeggiando il mare.
Sono le due del pomeriggio, e lungo la spiaggia battuta dal vento ci sono poche persone, quasi tutte a spasso coi cani al guinzaglio. A occhio siamo gli unici turisti.
Le prime foche che avvistiamo sono nell’acqua: un maschio e una femmina che giocano e si corteggiano, guardandoci di tanto in tanto per decifrare le nostre intenzioni. Li lasciamo subito soli e proseguiamo lungo la costa fino ad imbatterci nel primo gruppo spiaggiato: una quindicina di foche grigie che si riposano dopo una giornata di nuoto e pesca, quasi tutte addormentate o intente a godersi gli ultimi raggi di sole. La mole dei maschi è impressionante, mentre le femmine hanno quasi tutte un cucciolo bianco al fianco.
A sole due ore d’auto da Londra, la natura mette in scena uno dei suoi mille spettacoli: è la stagione riproduttiva delle foche grigie e il Norfolk è una delle regioni che questi animali prediligono per dare alla luce i piccoli. Piccoli bianchi e tenerissimi che riempiono le spiagge, chiamano rauchi le madri per chiedere una poppata, succhiano ingordi dai capezzoli o dormono spaparanzati quando sono satolli.
I cartelli intimano di mantenersi a debita distanza, mai a meno di tre metri, ma durante i nostri due giorni in Norfolk impareremo molto di più su questi animali.
Soprattutto, avremo l’opportunità pazzesca di assistere al parto di due femmine a una decina di metri da noi: un evento emozionante e commovente al quale mai avremmo immaginato di poter assistere. La vita che capita, e esplode di fronte a te, inaspettata. Lasciandoti interdetto e sbalordito dalla meraviglia.
Gli occhi gitanteschi, sgranati e pieni di stupore dei cuccioli ancora sporchi di liquido amniotico che si muovono incerti sulla sabbia saranno il regalo più prezioso del Norfolk.

Foche del Norfolk Cucciolo appena partorito

COME COMPORTARSI IN PRESENZA DELLE FOCHE

Come di fronte ad ogni animale selvatico, anche con le foche bisogna mostrare rispetto per il loro territorio. Mai avvicinarsi troppo, sia per non farle sentire minacciate, sia perchè sono più veloci di quanto si pensi e hanno denti molto aguzzi con cui possono aggredire per difendersi.
Soprattutto in stagioni delicate come quella riproduttiva, in cui sono più sensibili alle intrusioni, le foche possono mostrare più facilmente segnali di disagio e di aggressività. È possibile, ad esempio, che le madri non riescano ad allattare i piccoli (mettendo a rischio la loro sopravvivenza) perchè troppo disturbate dalla presenza umana o che non riescano a riposarsi per recuperare le energie necessarie per tornare a pescare in mare.
Inoltre, mai passare tra una foca e il suo piccolo, perchè potrebbe portare la madre ad abbandonarlo. In alcune colonie solo il 50% dei cuccioli sopravvive al primo anno di vita: comportatevi in modo responsabile. Nel gennaio 2018 4 cuccioli sono stati trovati morti proprio su una spiaggia del Norkolk perchè abbandonati dalle madri, che sono state probabilmente spaventate o sottoposte a grande stress durante l'allattamento. Queste sono notizie che non dovremmo MAI leggere.

Foche del Norfolk - Cucciolo

IL RUOLO DEI MASCHI

Durante la stagione riproduttiva, capita spesso di vedere un maschio accanto ad una mamma col suo cucciolo. Potrebbe sembrare una vicinanza protettiva, invece i maschi delle foche grigie non hanno alcun ruolo genitoriale. Si aggirano intorno alle femmine soltanto per accoppiarsi di nuovo, rischiando, tra l’altro, di schiacciare i cuccioli senza nemmeno accorgersene.
Dal canto loro, le femmine saranno pronte per un nuovo accoppiamento solo quando il cucciolo sarà indipendente (circa 4-6 settimane). Nel frattempo avranno il loro bel da fare a tenere a bada i maschi con ruggiti e morsi. Sulle spiagge non è difficile individuare i maschi insistenti: sono quelli con il collo sanguinante per i morsi delle femmine (o di altri maschi con cui si sono confrontati per il territorio).

Foche del Norfolk - Maschio adulto

DOVE VEDERE LE FOCHE IN NORFOLK

Il posto che vi consigliamo è Blakeney Point, una riserva alla quale è possibile accedere in barca con tour organizzati per piccoli gruppi. Avrete così modo di approfittare della presenza di alcune guide naturalistiche del National Trust, che vi daranno informazioni utilissime sull’esperienza che andrete a vivere. Sono due le compagnie che organizzano queste escursioni: Beans Boat Trip e Temple Seal Trip.
Ci sono altre spiagge in cui è possibile vedere le foche ma, visti i grandi rischi descritti sopra, l’opzione con l’accompagnamento di una guida naturalistica è sempre da preferire: perchè vi insegnerà a decifrare i comportamenti degli animali e a capire davvero cosa succede di fronte ai vostri occhi, perchè vi permette di fare l'esperienza in una situazione protetta e monitorata (a beneficio di turisti e foche), perchè il prezzo del vostro biglietto contribuisce alla conservazione del luogo.
Noi ad esempio abbiamo scoperto che le femmine possono accettare l’accoppiamento, ma tenere poi in sospeso la gravidanza per almeno tre mesi in attesa che il loro fisico sia completamente in forze dopo la precedente. Durante le settimane di allattamento la madre può perdere infatti fino a 65 Kg e non potrebbe affrontare subito una nuova gravidanza.

Foche del Norfolk - Allattamento foca grigia

QUANDO VEDERE LE FOCHE

Le foche possono essere viste tutto l’anno in Norfolk ma, se volete vedere i cuccioli, dovete andare da giugno ad agosto (periodo di riproduzione della foca comune) o da novembre a gennaio (periodo di riproduzione della foca grigia).
Ovviamente durante il periodo invernale ci sono molti meno turisti e l’esperienza risulta più autentica.

Foche del Norfolk - Femmina adulto

Cliccate su un'immagine per aprire la galleria completa

 

4 Risposta

  1. Un posto spettacolare :ma che tenere le foche,i cuccioli adorabili. Sicuramente e' stata una bellissima esperienza. Bravi e complimenti
  2. ...siete sempre come i vostri viaggi ragazzi: "Straordinari"... Continuate così!!! Vi auguro un mondo di bene!!!!!
  3. […] 15 dicembre 2017 14:58 Nessun commento […]

Lascia un commento