Tre giorni ad Atene, culla d’Occidente

English Version

Atene è la sorpresa che non ti aspetti, nel bene e nel male. Un viaggio potente tra il suo passato grandioso e un presente difficile, ma creativo e vitale. Un angolo di Grecia su cui soffermarsi.

Athens Holiday Travel Greece

Visitare Atene è un’esperienza che si ricorda e che lascia tracce.
Salire all’Acropoli significa arrivare nel santuario dove tutto è cominciato, un luogo pieno di energia storica. Camminare tra l’Odeon di Erode Attico, il Partenone e il Tempio di Atena, tra le raffiche di vento e la luce acuta riflessa dal marmo, permette di percepire un fascino rimasto intatto per millenni.
Dentro il petto, le vibrazioni di tutte le genti passate di qui.
Sotto, in basso, l’Occidente intero, che pare tutto colorato di bianco.

Athens Holiday Travel Greece
Mentre cammini per le strade di Atene, l’Acropoli è onnipresente, è lì che veglia sopra gli uomini e ricorda loro che vale sempre la pena di alzare lo sguardo verso il cielo.
Il resto della città è un intersecarsi continuo di colonne doriche e graffiti. Non sempre alla maestosità dei monumenti è lasciato il respiro necessario, ma anche nelle case accatastante intorno alla Biblioteca di Adriano si riesce a percepire il fascino della storia che è sfuggita di mano.

Athens - Odeon of Herode

Athens - Odeon of Herodes Atticus

Atene è impoverita, sofferente. Lo dicono le serrande chiuse dei negozi, le strade trascurate, l’odore di alcuni angoli, le mani tese. Eppure all’improvviso ci sono colori, suoni e sorrisi, che raccontano di un’anima viva e accogliente.
Abbiamo alloggiato in Monastiraki, ed è stata una scelta stupenda, non solo per la comodità della metropolitana che collega direttamente con l’aeroporto.
Monastiraki è un quartiere pieno di ristorantini deliziosi e locali traboccanti di persone a tutte le ore, venditori ambulanti e negozi. In piazza, la sera, ci sono carretti di frutta e ragazzi che suonano, mentre lungo la via Pandrossou, lastricata di colori, i turisti si accalcano per portare a casa ricordi e regali.

(Clicca su una foto per aprire la galleria immagini completa)

Il mercato delle pulci, aperto tutta la settimana, conduce piacevolmente all’Antica Agorà e al Kerameikos, l’area dove sono conservate le rovine del quartiere dei vasai e di un antico cimitero.
Annaspando, ci siamo arrampicati sulla collina del Licabetto, scoprendo un bellissimo quartiere fatto di irte scalinate e piante di limone a ridosso delle case.

Athens Holiday Travel Greece
Quando siamo stati alla festa di inaugurazione del TBEX 2014 al Technopolis, il più grande centro culturale di Atene, abbiamo visto il recupero urbano messo in atto a Gazi, il quartiere dove un tempo sorgeva solo una fabbrica di gas e oggi è brulicante di giovani, teatri, ristoranti e bar: la capacità di reinterpretare uno spazio industriale desolato per trasformarlo in un centro palpitante d’avanguardia rivela molto della voglia di riscatto di Atene.
Non è una città per tutti: in questo momento della sua storia, Atene è una città che ha bisogno di essere capita, sentita, vissuta da chi desidera scoprire la sua trasformazione.

Athens Street-art
Il cibo è ottimo, le persone accoglienti, i prezzi economici. La metropolitana funziona ed è pulita, gli spazi congressuali sono efficienti, il wi-fi ha una buona diffusione, in moltissimi parlano inglese, all’aeroporto abbiamo trovato i controlli più scrupolosi e più educati di sempre.

(Clicca su una foto per aprire la galleria immagini completa)

(Clicca su una foto per aprire la galleria immagini completa)

In città però ci sono alcune zone degradate, talvolta proprio in centro (come il quartiere di Omonia), e questo – in certi casi - rende difficile la percezione positiva d’insieme.
Noi torniamo a casa con una bella esperienza alle spalle: incontri, scorci, sapori e musiche ci hanno stupito, fatto sorridere, appagato. Abbiamo visto vita anche dove c’era povertà, colori anche dove c’era buio.
Google

Nessun commento ancora

Lascia un commento