Le lezioni sul Travel Blogging imparate al TBEX

English Version

Il TBEX è una conferenza statunitense dedicata ai professionisti del Travel Blogging e alla loro formazione. Il TBEX 2014 di Atene è stata la prima edizione a cui abbiamo partecipato e, a conti fatti, possiamo dire che l’investimento è valso il bagaglio di informazioni e connessioni con cui siamo tornati a casa.
Il livello dei relatori, la qualità degli argomenti e l’organizzazione perfetta hanno reso l’evento impeccabile.
Qui di seguito, gli elementi di riflessione che vogliamo condividere.

RAPPORTO TRAVEL BLOGGER E DMO (Destination Marketing Organization)
(incontro con Jaume Marin)
Perché l’incontro tra questi due protagonisti del mondo del turismo sia fruttuoso, è importante che entrambe le parti abbiano le idee chiare sui reciproci obiettivi da raggiungere.
Il potenziale di questa relazione è molto elevato, perché le destinazioni hanno un disperato bisogno di contenuti nuovi e idee smarcanti: i blogger sono le persone più indicate per fornirglieli.
Se oggi le piattaforme che raccolgono recensioni scritte da comuni cittadini hanno più autorevolezza rispetto ai professionisti del settore turistico, significa che in passato qualcosa è andato storto e i blogger non devono permettersi di fare gli stessi errori che agenzie e tour operator hanno fatto in passato.
Autorevolezza e credibilità sono elementi fondamentali della professione del blogger, supportati dalla qualità del lavoro che svolgono e dal tipo di audience che hanno.
Approfondimento: “5 indizi che vi dicono che state lavorando con i blogger sbagliati

TBEX speech

BLOGGING BRAND
(Incontro con Green Global Travel)
Come ogni altro tipo di attività professionale, un blog deve avere prima di tutto un’identità definita e riconoscibile, in grado di attirare lettori appassionati e partner adatti. Per fare branding occorre creare un ecosistema sano di elementi che contribuiscano al successo della piattaforma sul medio-lungo termine e del business che vi è correlato.
Nel 2015, le aziende che lavoreranno con i blogger saranno di più rispetto agli anni precedenti e nelle valutazioni che le porteranno a scegliere con quali blogger collaborare ci sono parametri tangibili (numero dei lettori, numero di follower, ecc.) e intangibili.
Tra questi ultimi, i più importanti sono la qualità dei contenuti, la professionalità e l’allineamento del brand.
In linea generale, le aziende preferiscono di gran lunga lavorare con blogger che hanno un’identità ben definita in linea col loro target rispetto a blogger con un grande seguito ma disallineati.
L’attenzione all’ecosistema sopra citato deve riferirsi a tutti gli elementi attraverso i quali il blog si interfaccia con il mondo:
• Nome, logo e grafiche (che sappiano unire creatività e valutazioni pratiche)
• Mission
• Tipo di contenuti
• Servizi offerti
• Collaborazioni
• Codice etico
APPROFONDIMENTO: "Fai del tuo blog un brand migliore"

TBEX

CONTENUTI VINCENTI
I contenuti pubblicati sul blog e sui canali social devono essere originali, utili, capaci di trasmettere emozioni e di divertire. Importantissima la qualità dei testi e delle fotografie: voi valete quanto la foto più brutta che avete pubblicato.
Semplicità e ironia favoriscono la piacevolezza della relazione con i lettori, ma la condivisione e la virilizzazione aumentano senz’altro di fronte a contenuti che strappano la parola “wow”.
L’ascolto del proprio pubblico aiuta a capire cosa funziona maggiormente nel segmento editoriale in cui si opera, facilitando l’individuazione degli argomenti adatti. Avere un audience attivo e interattivo, che risponde alle sollecitazioni, non è obiettivo facile da raggiungere.
Ovviamente un ottimo contenuto risulta inutile se non è letto da nessuno, e l’importanza di una SEO che funziona e di una buona strategia social sono fondamentali per decretare il successo di un blog.

TBEX Athens 2014 3

MONITORAGGIO E ANALISI
Tenere sotto controllo i risultati delle proprie attività è fondamentale per capire su cosa concentrare sforzi e risorse e cosa invece lasciar perdere. Conoscere gli strumenti a disposizione e saperli usare al massimo delle loro potenzialità è estremamente importante, analytics comprese.
Individuare gli argomenti più apprezzati dai lettori, il media su cui si ottengono più feed-back e il tono di comunicazione più fruttuoso sono passi imprescindibili per l’ottimizzazione delle risorse.

TBEX Athens 2014 6

PR E RELAZIONE TRA BLOGGER E AGENZIE
(Incontro con Carol Cain)
Come ogni relazione di lavoro, quella tra blogger e agenzie ha le sue regole, che talvolta sono dettate semplicemente dal generale buon senso, talvolta derivano dalla tipicità del settore in cui si opera.
Le relazioni che i blogger riescono ad instaurare hanno tanto valore quanto il loro pubblico di lettori, poiché nella maggior parte dei casi i contatti più importanti arrivano tramite passaparola.
È quindi fondamentale non solo che i blogger si preoccupino di raccogliere lettere di referenze che testimonino il buon lavoro fatto in determinate occasioni, ma che curino con attenzione e professionalità le relazioni con agenzie, aziende, destinazioni e altri blogger.
Quando un blogger si propone ad un potenziale partner è bene che sottoponga una proposta personalizzata, documentata e articolata, in modo da produrre immediatamente un effetto positivo sull’interlocutore. La sua preoccupazione dovrà essere prima di tutto quella di proporre un servizio professionale e appetibile, affrontando solo nella parte finale della proposta l’eventuale argomento budget. Anche se la proposta non dovesse venire accettata, l’interazione avrà prodotto comunque un’impressione favorevole che contribuirà a consolidare la reputazione e a facilitare opportunità future.
Un’azienda che decide di organizzare un viaggio stampa e di ospitare gratuitamente dei blogger sta già investendo molto in loro: non sempre è opportuno chiedere anche un compenso.
Dal canto loro, le agenzie valuteranno diversi elementi per selezionare i blogger con cui lavorare: numeri, reputazione, engagement, qualità dei contenuti.
Il viaggio stampa è un momento importantissimo di valutazione reciproca: gli atteggiamenti, l’interazione con gli altri, la serietà con cui si affronta il lavoro rappresentano un primo livello di conoscenza che può gettare le basi per collaborazioni proficue e durature.

Per il resto abbiamo frequentato workshop dedicati ai video di viaggio e incontri di approfondimento sulle varie piattaforme social, sull’ottimizzazione del tempo nel lavoro freelance, sull’importanza della gestione delle immagini.
Un momento di formazione utile che ci ha dato anche spunti importantissimi per affacciarci al mondo anglosassone.

Google

12 Risposta

  1. Molto interessante. Grazie mille per questo post!
  2. Grazie per aver condiviso la tua esperienza e parte delle tematiche trattate. Magari per la seconda edizione ci faccio un pensierino ;)
  3. Grazie mille per questo post, non avendo potuto partecipare all'evento, penso sia molto utile!
  4. Mi aggrego ai ringraziamenti" E complimenti per aver riassunto in modo cosi chiaro tanti concetti importanti per il nostro lavoro.
  5. […] The lessons about Travel Blogging we learnt at TBEX di Elena Torresani. […]
  6. […] The lessons about Travel Blogging we learnt at TBEX di Elena Torresani. […]
  7. Tu sei uno dei miei punti di riferimento in Italia. Un vero piacere averti conosciuta! Bravissima sempre! Un abbraccio cara.

Lascia un commento